La diretta del presidio organizzato dai promotori del referendum sulla cannabis legale davanti a Montecitorio per chiedere la proroga al 31 ottobre della data ultima per depositare i certificati elettorali. “Non vogliamo che questo referendum venga discriminato, chiediamo di avere tempo fino al 31 ottobre: ci siamo rivolti al Presidente della Repubblica e al Presidente del Consiglio, siamo pronti a mettere in mora il Ministero dell’Interno. Questo ritardo non dipende da noi, non possiamo subirne gli effetti”. Il sit-in “andrà avanti tutta la notte in attesa del Consiglio dei Ministri convocato per mercoledì e che potrebbe essere l’ultima sede in cui una risposta dal Governo Draghi potrebbe arrivare relativamente alla proroga dei termini”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Patrick Zaki, Bologna in piazza alla vigilia della nuova udienza. Noury (Amnesty): “Se le cose andranno male Draghi deve pretendere grazia”

next
Articolo Successivo

Cannabis, governo verso la proroga dei termini per salvare il referendum dopo i ritardi dei Comuni: ovazione al presidio a Montecitorio

next