Buckingham Palace potrebbe diventare un museo. O meglio, questa era l’idea del Principe Carlo che, tuttavia, ha dovuto fare i conti con niente poco di meno che la Regina Elisabetta. Proprio così. Con il duplice obiettivo di riavvicinarsi alla popolazione dopo i recenti dissidi e di alleggerire le spese reali (369 milioni di sterline per il restauro del Palazzo), il futuro Re aveva pensato di trasformare la dimora reale in un museo. Ma, come rivelato al Mirror da un insider, Buckingham Palace resterà una residenza di famiglia, almeno fino a quando la Sovrana sarà sul trono.

Difatti, la residenza reale è sì visitabile dal 1993 ma solo alcune delle 775 stanze sono accessibili ai visitatori e solo quando la Regina è lontana da Londra, mentre il progetto di Carlo prevederebbe l’apertura di tutte le residenze reali, con accesso limitato per tutto l’anno. Ma niente da fare, Elisabetta II non è d’accordo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Paolo Mancinelli, “massima solidarietà” al giornalista di RaiNews24 ‘preso in giro’ sui social. Salvo Sottile: “Meschini, vergognatevi”

next