“Noi radical chic? È Cingolani ad essere il ministro della finzione ecologica”. Questa mattina a Milano, migliaia di studenti e studentesse sono scesi in piazza per chiedere al governo un impegno concreto nella lotta al cambiamento climatico. “Mettete in atto subito la transizione ecologica – chiede la portavoce di Fridays For Future Italia Martina Comparelli – ma una transizione che sia giusta e che metta al centro i lavoratori e che non faccia perdere il lavoro o aumentare le bollette”. Nonostante le “promesse politiche” infatti, denunciano, poco è cambiato e ora “servono fatti”.

Ma non è finita qui. La prossima settimana il movimento tornerà in piazza insieme anche a Greta Thunberg per due cortei che si terranno venerdì e sabato in contemporanea al vertice della Pre Cop. “Se i governi internazionali credono che mettendo dei delegati in una stanza non ci sentiranno più con la nostra visione di un mondo diverso – conclude Comparelli – si sbagliano perché noi ci faremo sentire fino a quando il cambiamento che chiediamo non diventerà realtà”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fridays for Future, il primo sciopero nazionale dopo la pandemia: “La transizione ecologica non pesi sui cittadini, deve pagare chi inquina”

next
Articolo Successivo

La marea dei Fridays For Future invade il centro di Torino: in migliaia al corteo per il clima. “È l’anno delle scelte, importante essere in piazza”

next