Il referendum sulla cannabis legale arriva a 420mila firme dopo solo quattro giorni dal lancio e si avvia a superare oltre la soglia legale delle 500mila firme, ben prima della data limite del 30 settembre. Lo afferma in una nota entusiastica il comitato promotore. Da ieri la sottoscrizione online è stata anche agevolata: è possibile firmare anche senza Spid o Carta d’Identità Elettronica, grazie al servizio TrustPro. Sono però importantissime anche le donazioni che stanno arrivando per sostenere il costo – 1,05 euro – di ogni firma.

Il comitato, forte della popolarità del referendum, chiede al Governo l’estensione al 30 ottobre del termine ultimo per la consegna delle firme in Cassazione. Nella nota si legge poi un ultimo appello per il Servizio Rai: i promotori chiedono che venga fatta una corretta informazione sul quesito proposto e sulle modalità di firma, come vorrebbe la Delibera Agcom dello scorso luglio (DELIBERA N. 257/21/CONS). Arriva però anche un ringraziamento per Just Mary, l’azienda di delivery di cannabis legale che sin da subito si è spesa a livello promozionale e finanziario per il sostegno alla campagna

I promotori del referendum Associazioni Luca Coscioni, Meglio Legale, Forum Droghe, Società della Ragione e Antigone e dai rappresentanti politici dei partiti +Europa, Possibile e Radicali italiani. Per informazioni o per firmare: www.referendumcannabis.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Violenza contro le donne, l’annuncio di Von der Leyen: “Proporremo norma Ue per contrastarla. È atto di giustizia”

next
Articolo Successivo

Femminicidi, sette donne uccise negli ultimi dieci giorni: 83 da quando è cominciato il 2021. Più della metà ammazzata dai partner (o ex)

next