Il referendum sulla cannabis spacca Forza Italia. N

el terzo giorno in cui è possibile firmare – e con 333mila sottoscrizioni già raccolte online – il presidente della Commissione di Vigilanza Rai, Alberto Barachini, ha chiesto alla televisione pubblica di dare adeguata informazione sulla raccolta delle firme. Barachini era intervenuto già da tempo sui quesiti referendari, scrivendo a presidente e amministratore delegato sulla necessità di dare adeguato spazio alle consultazioni. Ora è arrivata questa sollecitazione anche in vista della scadenza ravvicinata per la raccolta firme, possibili in modalità digitale, prevista per il 30 settembre. La mossa del presidente della commissione Vigilanza è arrivata dopo richiesta espressa non solo dei Radicali, ma anche di Elio Vito, che come Barachini è un esponente Forza Italia.

E infatti sempre Vito è il primo a esultare: “Voglio ringraziare Barachini – dice – rispondendo sollecitamente alla mia richiesta, ha voluto rappresentare ai vertici dell’Azienda ‘la necessità di dare adeguato risalto alla possibilità, solo recentemente introdotta, di sottoscrivere digitalmente la proposta referendaria e, quindi, all’esigenza di fornire un’adeguata informazione sulla relativa procedurà. La corretta informazione sulle diverse iniziative politiche e sulla possibilità che la legge riserva ai cittadini di potervi partecipare è, infatti, un preciso dovere del servizio pubblico, a tutela della possibilità di un partecipato e consapevole confronto democratico”. Un altro berlusconiano storico come Francesco Paolo Sisto, però, non è d’accordo. “L’espressione popolare è sovrana. Personalmente ritengo però che uno Stato non possa sponsorizzare sostanze che, in base alle unanimi risultanze di studi scientifici, possono provocare danni irreparabili alla salute, soprattutto per i più giovani. In un periodo in cui si fa molto spesso riferimento dell’articolo 32 della Costituzione, legalizzare l’uso di stupefacenti è una scelta che merita una riflessione molto, molto attenta”, dice il sottosegretario alla Giustizia, incarnando la vecchia posizione proibizionista di Forza Italia. Una posizione che oggi è tutt’altro che unitaria.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Successivo

Conte dopo l’incontro con Cingolani e i ministri M5s: “Nucleare? Ottenute garanzie per il no. Salvini può trasferirsi in Francia”

next