Uccisa a coltellate dall’ex marito. È successo a Agnosine, in provincia di Brescia. La vittima è Giuseppina Di Luca, una donna di 46 anni madre di due figli: faceva l’operaia e si era trasferita da un mese nel piccolo paese della Valsabbia dopo essersi separata ad agosto.

Stando alle prime ricostruzioni dell’accaduto, intorno alle sette del mattino l’uomo, un 52enne anche lui operaio, ha raggiunto l’ex moglie a casa e l’ha aggredita colpendola più volte con un coltello sulle scale della palazzina, all’altezza dei garage. Lei è morta poco dopo e così lui è andato dai carabinieri per costituirsi: i militari lo hanno arrestato e nelle ore successive hanno recuperato quelle che ritengono essere le armi usate per il delitto, un coltello a serramanico e un pugnale. Nel primo interrogatorio, Paolo Vecchia, questo il suo nome, si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, ucciso 57enne a colpi di pistola: l’ipotesi di un’esecuzione

next
Articolo Successivo

Cosenza, 43enne uccisa a coltellate dal marito: l’uomo fermato dai carabinieri

next