Non scendiamo dai ponteggi finché non vediamo lo stipendio, stanotte dormiamo qui”. Così annunciano di voler rimanere tutta la prossima notte nel cantiere dieci operai edili che non ricevono lo stipendio da tre mesi. La loro protesta è iniziata stamani con l’occupazione dell’area. Sono dipendenti di una ditta a cui è stato affidato un subappalto nella realizzazione di un palazzo di 30 appartamenti da destinare a social housing ma l’azienda a sua volta non avrebbe ricevuto pagamenti dall’appaltatore. Comunque stiano le cose, non ci sono i soldi per le loro paghe degli ultimi tre mesi. “Abbiamo contattato il fondo che ha commissionato la costruzione – spiega Daniele Vaccaro, Filca Cisl Toscana – a cui abbiamo chiesto di applicare la responsabilità solidale, by-passando l’appaltatore e andando a pagare direttamente il subappaltatore”. “Stiamo facendo pressione – aggiunge Marco Ballati, Fillea-Cgil – affinché si arrivi il più velocemente possibile alla retribuzione di questi lavoratori”. Gli abitanti della zona hanno portato acqua e viveri ai muratori impegnati nella protesta.

Video Facebook/Rosanna Crocini

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alitalia, Landini: “Il governo intervenga, non si usino soldi pubblici per firmare licenziamenti”

next
Articolo Successivo

Reddito di cittadinanza, la storia di Emanuela: “Ero cameriera in hotel, ma con la schiena non riesco più. Divano? Sono sempre in giro per trovare lavoro”

next