Un protocollo da seguire scrupolosamente quando morirà la regina Elisabetta II. “Operazione London Bridge“, è il nome del cerimoniale rivelato nei giorni scorsi dal Politico.eu. Fatta la doverosa premessa sulle attuali condizioni ottimali di salute della Sovrana, a far notizia è la quantità di dettagli svelati. Partiamo dal nome dell’operazione, in inglese “London Bridge is down”. Sarà quesa la frase con la quale il drammatico evento verrà comunicato al primo ministro di turno. Si tratta di una strofa di una filastrocca nota ai bambini inglesi.

E siamo solo all’inizio di una lunga lista di particolari regole a cui attenersi. L’annuncio della morte avverrà con un comunicato flash sulla Association Press. Seguirà un black-out dei canali social ufficiali, sui quali verrà pubblicato solo un lapidario annuncio della scomparsa della Regina, mentre il sito gov.uk – che riporta le attività governative – pubblicherà soltanto sviluppi urgenti e non sarà permesso alcun retweet previo consenso del responsabile delle comunicazioni. Il giorno della morte sarà chiamato, nelle comunicazioni interne agli apparati dello stato “D-Day” e, a seguire, i giorni successivi fino al funerale, D+1, D+2 etc.

Secondo i documenti rivelati, inoltre, seguiranno una serie di telefonate per informare dapprima il Premier (chiamato direttamente dal segretario privato della regina). Poi, altri ministri e alti funzionari, a cui la notizia verrà comunicata con la seguente frase: “Siamo appena stati informati della morte di Sua Maestà la Regina”, oltre che una mail: “Cari colleghi, è con tristezza che vi scrivo per informarvi della morte di Sua Maestà la Regina”. A quel punto Downing Street avrà dieci minuti per abbassare a mezz’asta la bandiera, lo stesso varrà per tutte le bandiere che sventolano su Whitehall, la strada che collega Trafalgar Square a Parliament Square. In seguito il Premier e il suo gabinetto renderanno omaggio alla Regina presso la stazione di St. Pancreas, mentre il principe Carlo avvierà un tour del Regno Unito nei giorni che precederanno il funerale.

La bara della compianta Sovrana, sollevata da terra, sarà posta nel mezzo della Westminster Hall, aperta al pubblico per 23 ore al giorno per tre giorni, il tutto prima dei funerali di stato che si terranno dieci giorni dopo la morte. A questo punto scatterà anche l’operazione “Spring Tide” per l’ascesa al trono di Carlo d’Inghilterra. Già fissato l’orario del discorso dell’erede: sarà trasmesso alle ore 18, dopo una udienza con il Premier. E poi ancora il saluto del Ministero della Difesa, il minuto di silenzio e il giorno di lutto nazionale. Ma attenzione, se non dovesse cadere nel weekend ai lavoratori non sarà garantito alcun giorno di ferie.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Comunali Roma, Enrico Montesano rompe il silenzio: “La mia candidatura? Ecco come stanno le cose”

next
Articolo Successivo

Angelina Jolie rivela: “Ecco il motivo del mio divorzio da Brad Pitt”

next