Vogliamo parlare con il sindaco“. È questa la richiesta dei condomini della Torre dei Moro di via Antonini, il grattacielo andato a fuoco a Milano. Questa mattina le 70 famiglie che nell’incendio hanno perso la casa si sono riunite in una palestra affittata per un’assemblea straordinaria. “Abbiamo composto una commissione di esperti, in cui io mi occuperò della comunicazione – spiega Mirko Berti, uno degli inquilini. “Abbiamo chiesto un incontro con il Giuseppe Sala, ma al momento non siamo stati ancora convocati”. Gli inquilini della palazzina si dicono “uniti” nella gestione di questa emergenza, ma ammettono che vi è molta preoccupazione per il futuro: “Ci sentiamo come i terremotati“, le parole di Marco all’uscita della riunione straordinaria.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Green Pass, dai viaggi alla scuola è arrivato il giorno della ‘fase 2’: ecco dall’1 settembre dove servirà il certificato vaccinale o il tampone

next