Martedì 24 agosto Richard Brennan, direttore regionale dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), aveva assicurato che i Taliban avevano chiesto che il personale delle Nazioni Unite rimanesse nel Paese e che “gli operatori sanitari sono stati chiamati a tornare o rimanere al loro posto, compreso il personale sanitario femminile”. Ma oggi un documento riservato Onu visionato dalla Reuters racconta di miliziani che hanno “minacciato e picchiato” dipendenti dell’organizzazione che operano nel Paese.

Non si tratta di un errore, uno scambio di persona, o di un caso isolato, ma di “decine di incidenti” registrati dai giorni immediatamente precedenti alla presa del potere da parte degli uomini fedeli al mullah Hibatullah Akhundzada. Compreso quello accaduto domenica scorsa, quando un membro dello staff diretto in aeroporto è stato bloccato e malmenato dai Taliban. Le minacce e gli abusi, compreso il saccheggio degli uffici Onu, hanno avuto inizio sin “dal 10 agosto”, si legge nei documenti. Dal canto loro, i vertici del gruppo islamista hanno fatto sapere che indagheranno sull’accaduto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Afghanistan, Blinken: “Possibilità di un attacco dell’Isis molto reale”. Media: “Pronti razzi e 10 kamikaze”. Ancora 4.100 americani nel Paese: “Sarà più difficile evacuarli”

next