Domenica 22 agosto nuova udienza sul rinnovo della custodia cautelare in carcere al Cario per Patrick Zaki. La notizia è stata rivelata da alcuni attivisti e confermata dal legale del ragazzo. Studente all’università di Bologna, è detenuto in Egitto da oltre un anno. È accusato di propaganda sovversiva su internet. Nelle prossime ore il suo avvocato Hoda Nasrallah andrà “Maahad oumanàa al shorta”, l’Istituto per assistenti di polizia annesso al carcere di Torah, all’estrema periferia sud del Cairo, per assistere alla lunga sessione nell’ambito della quale sarà deciso il futuro del suo assistito. Due le ipotesi: la scarcerazione o altri 45 giorni di reclusione, come già successo molte altre volte. Lunedì 23 dovrebbe arrivare la risposta.

La nuova udienza è stata convocata un po’ prima dello scadere del mese e mezzo dall’ultima seduta, il 12 luglio. Gli attivisti per i diritti umani schierati a favore di Zaki hanno rinnovato il loro appello alla comunità internazionale: “Ha ancora bisogno del vostro sostegno. Continuate a parlare di Patrick, continuate a chiedere la sua libertà e continuate a combattere per lui”.

Il ricercatore è stato arrestato il 7 febbraio 2020, più di 18 mesi fa. La custodia cautelare in Egitto può durare due anni con possibilità di prolungamenti se, durante le indagini, emergono nuovi elementi d’accusa. Se si andrà a processo, secondo Amnesty International Patrick potrebbe rischiare fino a 25 anni di carcere.
La mobilitazione italiana in suo favore, culminata a livello istituzionale in una richiesta della Camera dei deputati al Governo di cittadinanza italiana, non ha finora portato a una sua scarcerazione. Le accuse a suo carico sono basate su dieci post di un account Facebook che i suoi legali considerano curato da un’altra persona ma che – secondo le autorità egiziane – hanno configurato fra l’altro la “diffusione di notizie false”, “l’incitamento alla protesta” e “l’istigazione alla violenza e ai crimini terroristici”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Afghanistan, le coltivazioni di oppio quadruplicate in 20 anni di guerra: e ora si esporta direttamente l’eroina. Gli errori degli Usa e le strategie dei Talebani: “Ridurranno la sovrapproduzione per sostenere il prezzo”

next
Articolo Successivo

Uragano Grace in Messico, otto morti. Negli Stati Uniti 42 milioni in allarme per Henri

next