Oltre 500.000 persone hanno già firmato il referendum per la legalizzazione dell’eutanasia. È un risultato straordinario, se pensiamo che nessuno dei grandi capi dei grossi partiti ha finora invitato le persone a firmare, né i salotti televisivi della sera hanno fatto informazione o dibattito sul tema. È la dimostrazione che sulla libertà le persone sono avanti rispetto a tanta parte di quello che un tempo si chiamava “ceto dirigente”, semplicemente perché hanno vissuto direttamente, stando accanto a una persona che soffre, l’importanza di essere liberi di decidere fino alla fine sulla propria vita.

Dobbiamo ancora lavorare duro per mettere al sicuro il risultato, raccogliere altre centinaia di migliaia di firme, fare rientrare i moduli, certificare, in mezzo a errori e ostacoli burocratici di ogni tipo. ma già possiamo dire che una grande impresa è stata realizzata. Un grande grazie a chi ci ha creduto, a chi ha firmato e, soprattutto, alle migliaia di volontarie e volontari che stanno riuscendo a organizzare punti di raccolta firme anche in piccoli centri oltre che nelle grandi città. Grazie anche a ilfattoquotidiano.it per avere fatto informazione fin dall’inizio di questa campagna, con una sezione ad hoc in costante aggiornamento. Un grande abbraccio a tutte e a tutti.

Per chi vuole salire a bordo, ecco il sito: https://referendum.eutanasialegale.it/

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kabul, la onlus Pangea: “Bruciamo tutti i documenti per non mettere a rischio la vita di migliaia donne e bambini che abbiamo aiutato”

next
Articolo Successivo

Gino Strada, migliore per davvero. Altro che faccia caritatevole del capitalismo

next