Charlene Wittstock, la principessa di Monaco consorte del principe Alberto, è ormai sempre più irriconoscibile e lontana dai canoni dell’etichetta reale secondo i quali eravamo abituati a vederla. Nelle scorse ore ha pubblicato sul suo profilo Instagram alcuni scatti molto forti che la ritraggono in una veste inedita e con una grinta rock inaudita per la consorte di un erede al trono, tanto che – ovviamente – subito si sono riaccesi i rumors su un possibile imminente divorzio da Alberto di Monaco.

A catturare l’attenzione è in particolare una foto di Charlene in bianco e nero, con gli occhi cerchiati, lo sguardo fiero e altero, i capelli cortissimi e un look militare che la fa apparire come una guerriera masai: fa parte di una campagna in difesa dei rinoceronti, per sconfiggere il bracconaggio che assalta questi animali in via di estinzione per accaparrarsi i loro preziosissimi corni. “Rhino Horn is Not Cool“, scrive la Principessa nella didascalia del suo post e in una grafica di forte impatto con caratteri che ricordano il sangue. Un invito a mettere fine alle atrocità ai danni di questi animali rinnovato anche con un video.

Non è il primo appello per la tutela dei rinoceronti lanciato da Charlene, anzi, proprio questo suo impegno era stato il motivo che l’aveva spinta, lo scorso febbraio, a lasciare Monaco per far ritorno in Sudafrica, la sua patria: una volta lì, però, ha contratto una malattia che l’ha costretta a sottoporsi a diverse operazioni a naso, gola e orecchie, impedendole di tornare a Monaco. Nei giorni scorsi ha ammesso di essere intenzionata a restare lì “fino alla fine di ottobre” e per questo c’è già che chi scommette che entro la fine dell’estate arriverà l’annuncio del divorzio da Alberto: per molti, infatti, quella della convalescenza è solo una scusa per non fare rientro a Palazzo e questa campagna ambientalista ne sarebbe la conferma: Charlene è ormai sempre più distante, in tutti i sensi, da Montecarlo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Epstein non si è suicidato”. Parla la giornalista che per prima incastrò il miliardario: “Sono accadute diverse cose sospette sulla scena del delitto”

next
Articolo Successivo

Pop It, ecco cos’è e come funziona il gioco mania dell’estate: è antistress, abbassa l’ansia e contribuisce allo sviluppo cognitivo

next