A Milano, stamattina, c’è stata la commemorazione per l’eccidio di piazzale Loreto dove 15 partigiani il 10 agosto 1944 furono trucidati dai nazifascisti. Il presidente dell’Anpi di Milano, Roberto Cenati, ha ricordato l’eccidio come “un sacrificio che ci obbliga a un esame di coscienza e che rappresenta per noi un forte richiamo a contrastare il riemergere dei nazionalismi, il ripresentarsi di movimenti neofascisti e neonazisti, di una preoccupante deriva xenofoba, razzista e antisemita”. Il presidente dell’Anpi di Milano ha poi ricordato la pandemia “che ha provocato oltre 128.000 decessi nel nostro Paese ma oggi c’è chi addirittura fa ignobili e vergognosi paragoni tra Shoah, regime nazista e disposizioni sui vaccini anti-Covid“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incendi, arrestato piromane nel Beneventano: incastrato dalle telecamere nascoste

next
Articolo Successivo

Cresce il numero dei ricoveri, la situazione più critica è nelle isole: in Sardegna intensive all’11%, la Sicilia arriva al 14% in area medica

next