La transizione di suo figlio da uomo a donna l’ha aiutata a capire che “il genere sessuale non è fisso e da allora ho buttato via quella vecchia idea e ho imparato invece che la vita è una metamorfosi costante”. Parole di Jamie Lee Curtis, attrice 62enne che ad Aarp The Magazine ha raccontato la sua esperienza vissuta insieme al marito: “Abbiamo vissuto con meraviglia e orgoglio la trasformazione di nostro figlio Thomas in nostra figlia Ruby“. E sarà proprio Jamie Lee ad officiare le nozze di Ruby, 25 anni, il prossimo anno. Il sostegno dell’attrice alla comunità LGBTQ+ non è mai mancato ma ora ha deciso di raccontare con orgoglio la storia della figlia. E di se stessa: “Sono sobria da 22 anni e sarei morta sicuramente se non avessi eliminato questa dipendenza”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sharon Stone chiede che sul set tutti siano vaccinati: la produzione minaccia di escluderla

next
Articolo Successivo

Marcell Jacobs, chi è la compagna Nicole Daza e cosa gli ha detto prima della gara

next