“Gigio, Dilo, Leo, Giorgio, Spina…”. Roberto Mancini prima della finalissima di Wembley trova anche il tempo di scherzare con i suoi giocatori per smorzare un po’ la tensione. Poi torna a dettare la formazione titolare. Cancella il nome di Spinazzola, dopo qualche risata, riparte: “Emerson, Jorgio, Marco, Bare, Ciro, Lorenzo e Federico”. E poi il discorso: “Non ho niente da dirvi più. Voi sapete quello che siete, non siamo qua per caso. Siamo noi padroni del nostro destino, sapete cosa dovete fare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italia campione d’Europa, il finale della festa: gli Azzurri cantano “Notti magiche” con Giuliano Sangiorgi – Video

next