“Stiamo bene e siamo in un hotel Covid dove passare la quarantena. Al momento non ho sintomi ma due di noi li hanno in forma lieve”. A parlare è Lorenzo Ranise, 18 anni, uno degli otto studenti di Imperia, in quarantena a Malta, dopo che un ragazzo della comitiva è risultato “reattivo” al test rapido in aeroporto.

“Ci troviamo a St Julian, una località vicino a Sliema, dove abbiamo trascorso la vacanza. Viviamo tutti in stanze separate, tranne una coppia. All’inizio mi volevano mettere in camera con uno dei miei amici: assurdo mettere due persone in quarantena nella stessa stanza”. Stando a quanto riferito dal ragazzo, l’ambasciata italiana sarebbe in contatto con due persone del gruppo: il ragazzo risultato reattivo al Covid e una ragazza che sono stati investiti della carica di portavoce. “Ci hanno fatto sapere che se abbiamo bisogno di una visita o accusiamo i sintomi del virus, possono fornirci un’assistenza medica”, ha spiegato Lorenzo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezia, le ragioni della protesta contro il G20 dell’economia: “I fondi stanziati per la pandemia vanno usati con logiche diverse dal passato”

next
Articolo Successivo

Terrorismo, arrestato a Salerno un ex-jihadista marocchino: aveva combattuto tra le fila dell’Isis in Siria già dal 2012

next