Il presidente dell’Associazione nazionale magistrati Giuseppe Santalucia dice la propria sulla riforma della giustizia penale allo studio del Governo. E si dice “perplesso”, in particolare su modifiche alla prescrizione e criteri di esercizio dell’azione penale. “Siamo pronti a collaborare con il nostro portato di esperienza e di contributi tecnici per migliorare dove possibile le proposte del governo”, ha premesso, ospite di Radio anch’io su Rai Radio Uno. “C’è uno spirito assolutamente costruttivo nella consapevolezza che queste riforme sono necessarie per uscire bene da una crisi drammatica. Non conosciamo il testo degli emendamenti che saranno portati in Cdm – ha precisato – conosciamo i lavori della commissione ministeriale (presieduta dal giurista Giorgio Lattanzi, ndr) che ha lavorato su questo”.

Sull’idea di una prescrizione processuale che scatti dopo due anni nel giudizio di Appello e dopo un anno in quello di Cassazione, Santalucia si dice “un po’ perplesso, perché occorrerebbe quanto meno una buona disciplina transitoria. Non tutti i giudizi di appello sono uguali, un tempo unico per tutti non credo vada bene, una disciplina transitoria credo sia necessaria”, ribadisce. Quanto agli altri contenuti, il presidente Anm esprime “perplessità” anche sull’ipotesi che sia il Parlamento a indicare i criteri di esercizio dell’azione penale. “In un sistema ad azione penale obbligatoria tutti i reati devono essere perseguiti“, spiega. “Quando ci sono molti reati bisogna stabilire delle priorità, ma un principio deve essere sacrosanto: tutti i reati vanno perseguiti, non significa accantonarli in attesa che vadano prescritti. La priorità è determinata dalle risorse che gli uffici hanno e sulle risorse la gestione dipende dalla dirigenza degli uffici. Su un intervento del Parlamento bisognerebbe conoscere i dettagli della norma, ma così è un ulteriore elemento di perplessità, siamo curiosi di conoscere il testo”.

Sugli interventi relativi ai tempi delle indagini preliminari, ha aggiunto il rappresentante delle toghe, “le proposte sono da guardare con favore. Si prevedono meccanismi che possano sfoltire questa fase, ci sono reati che non meritano di andare a processo”. E commenta anche i referendum in materia di giustizia per cui Lega e Partito radicale stanno raccogliendo le firme: “Nel nostro sistema i referendum sono abrogativi, poi bisogna dare la parola al Parlamento. Farlo nel momento in cui il governo ha messo su un cantiere così ricco di riforme non lo comprendiamo. Ci sono i lavori parlamentari, c’è il cantiere della costruzione, si lavori su quello“, chiede.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Santa Maria Capua Vetere, contro la violenza non basta buttare via le mele marce

next
Articolo Successivo

Massimo Bochicchio, arrestato a Giacarta il broker accusato di aver truffato Antonio Conte e altri personaggi dello sport

next