È con un certo sgomento che scriviamo del modo in cui Heather Parisi “ha scelto di dire addio” a Raffaella Carrà: “È sorprendente – ha scritto in un tweet – il potere che ha la morte umana di far rinsavire anche il più imperterrito degli ipocriti al punto tale da fargli ammettere financo la propria ipocrisia“. In molti sui social hanno ricollegato l’attacco a un tweet scritto da Lorella Cuccarini quando fu esclusa dalla giuria di Forte, Forte, Forte, nel 2015, e scrisse: “La responsabile di tutto questo è uno dei personaggi che più amato della mia infanzia nella mia vita professionale. In 30 anni di carriera non l’avevo mai incontrata ne starò molto lontana che per i prossimi 30“. Era davvero a questo il riferimento? Cuccarini ha espresso dolore per la morte di Raffaella Carrà. A chi si riferisse Parisi non è dato sapere, ma quel che è certo è che alcune volte è meglio tacere. Perché gli italiani la amavano, Heather, e non hanno bisogno di polemichine purchessia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Laurent Simons, il bambino prodigio: a 11 anni si laurea in fisica dopo “soltanto dodici mesi di studi”

next
Articolo Successivo

Luis Enrique, l’allenatore della Spagna e il lutto per la figlia Xana: morta a 9 anni per un cancro alle ossa

next