Ironico, determinato, umano: così si potrebbe descrivere Luis Enrique, il CT della Nazionale spagnola. Appassionato di calcio fin da bambino, inizia a giocare nelle giovanili dello Sporting Gijòn e da quel momento, prima nel ruolo di calciatore, poi in quello di allenatore (Barcellona, Roma), non è mai uscito dal campo. Solo una pausa nel 2019. Esattamente il 19 giugno di due anni fa si dimette da allenatore della Spagna per gravi motivi personali inizialmente tenuti nascosti. Una lunga pausa di 6 mesi che cela una drammatica lotta: quella della figlia Xana, nove anni, contro un cancro alle ossa che alla fine l’ha uccisa.

“Nostra figlia Xana è venuta a mancare questa sera all’età di nove anni dopo aver lottato per cinque lunghi mesi contro un osteosarcoma. Ci mancherai tantissimo, ma ti ricorderemo ogni giorno della nostra vita, con la speranza che un giorno ci incontreremo di nuovo. Sarai la stella che guiderà la nostra famiglia. Riposa in pace, Xanita”, scriverà la famiglia in una nota poco dopo la morte della piccola, avvenuta il 26 agosto 2019.

In quell’occasione il calcio italiano si strinse attorno a lui: “Una notizia che mi addolora molto, a te e alla tua famiglia vanno le più sentite condoglianze”, scrisse Roberto Mancini. Ma anche Francesco Totti: “Non ci sono parole.. Riposa in pace piccola stella” e Christian Vieri: “Xana è volata in cielo, preghiamo per la famiglia di Luis Enrique”. Un cordoglio di affetto e amore che Enrique, tornato a sedere sulla panchina della Nazionale spagnola qualche mese dopo, non ha mai dimenticato.

Lo si evince chiaramente dall’abbraccio con Daniele De Rossi poco prima della partita di ieri 6 luglio contro l’Italia o dalle risate e le battute con Federico Chiesa, autore tra l’altro del primo goal della nostra Nazionale. Ma in realtà lo ha dichiarato lui stesso poco dopo la partita: “Sono felice per quello che ho visto. Ho goduto di una partita di alto livello con due squadre forti che cercavano di giocare un bel calcio, è stato uno spettacolo per i tifosi. Voglio fare i complimenti all’Italia, spero che in finale possa cercare di vincere questo Europeo. Tiferò per gli azzurri”, ha detto. Un signore del pallone. Un uomo che ha solo da insegnare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Raffaella Carrà, Heather Parisi continua la sua polemica (contro Lorella Cuccarini?) nel giorno del doloroso addio

next
Articolo Successivo

Maurizia Paradiso: “Rimasta chiusa nel bagno dell’hotel con più di 30 gradi. Ho pensato: ‘Ci lascio le penne'”

next