Oltre il danno la beffa. Non solo i vaccini anti Covid arrivano in Africa con il contagocce a dispetto di roboanti annunci. Ora si scopre che le poche fiale recapitate non sono considerati dall’Unione europea sufficientemente sicure per essere incluse tra quelle che danno diritto al “green pass” che autorizza gli spostamenti tra paesi. Dalla certificazione sarebbe infatti escluso il vaccino AstraZeneca prodotto India presso il Serum institute. Al contrario il vaccino Astrazenca che esce dagli stabilimenti europei dà diritto al pass. L’Unione africana e il Centro africano per le malattie e il controllo epidemiologico hanno espresso ufficialmente preoccupazione per l’esclusione decisa della autorità sanitarie Ue.

Al momento il vaccino prodotto in India non ha ancora ricevuto il via libera dell’Autorità europea del farmaco. Quindi in Europa non si può usare, anche per ragioni di sicurezza, ma all’Africa si può donare. Il vaccino Astrazeneca prodotto dal Serum institute, è l’architrave su cui si regge l’intero programma Covax per i paesi poveri, dallo stabilimento indiano dovrebbero arrivare la gran parte delle fiale. “Covax era una bellissima idea nata dalla solidarietà. Sfortunatamente non ha funzionato...i paesi ricchi si sono comportati peggio che nel peggiore degli incubi” ha scritto di recente l’autorevole rivista medico scientifica The Lancet citando Gavin Yamey della Duke University coinvolto nel progetto. Covax è il programma internazionale che, raccogliendo finanziamenti da governi e donatori provati, dovrebbe assicurare una copertura vaccinale minima anche nei 92 paesi più poveri del pianeta.

Sin dall’inizio il programma è risultato sotto finanziato. Il gap finanziario è stato ridotto ma nel frattempo i paesi più ricchi hanno trattenuto per sé quante più dosi possibile, in alcuni casi, soprattutto negli Stati Uniti, bloccando spedizioni già destinate all’estero. Il 75% dei vaccini è rimasto nei paesi ricchi. Gli Usa si sono assicurati dosi per coprire una volta e mezzo l’intera popolazione, la Gran Bretagna il 225%. A livello globale sono state somministrate oltre 2 miliardi di dosi. Appena il 4% sono quelle dispensate da Covax. Un centinaio di paesi non hanno ricevuto neppure una fiala. In altri la quota di popolazione immunizzata è irrisoria, al di sotto dell’1%. Soprattutto rimangono scoperte anche le categorie più a rischio e che dovrebbero avere una precedenza nella somministrazione come personale medico, anziani e malato. Una politica estremamente miope poiché lasciare ampie aree del pianeta senza protezione dal virus spalanca portoni allo sviluppo di nuove varianti che in brevissimo tempo si diffondono in tutto il mondo, rischiando di compromettere anche i risultati delle campagne vaccinali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mps, il Governo starebbe valutando un nuovo aumento del “bonus” per chi si deciderà a comprare la banca

next
Articolo Successivo

L’ultimo attacco al Prosecco arriva dalla Croazia: “L’Europa riconosca il nostro Prosek”. Ecco che cosa può succedere

next