Sono arrivati sabato intorno alle 23 e dopo essere scesi dal treno a Codogno si sono avviati lungo la provinciale per arrivare nella ex cava Geroletta a Maleo, paese di 3mila abitanti in provincia di Lodi. È lì che, via social, si erano dati appuntamento per un rave party non autorizzato e no mask, in totale violazione delle norme anti Covid. Oltre 700 persone, per lo più giovanissimi e provenienti soprattutto dal Nord Italia, hanno partecipato senza mascherine e senza nessun distanziamento al raduno, proprio nel paese dove l’Ats nei giorni scorsi ha certificato la presenza di tre casi di variante delta in un focolaio di undici contagiati. Se ne sono andati nel pomeriggio di domenica, lasciando a terra bottiglie, carte, rifiuti. La Procura, intanto, ha identificato e denunciato alcuni tra i presunti organizzatori. La loro posizione è al vaglio dell’Autorità giudiziaria per le contestazioni del caso. Contemporaneamente, è stato anche sequestrato materiale audio.

I partecipanti al rave, una volta arrivati presso la cava, hanno spaccato recinzione e lucchetti e hanno dato il via alla festa con camion con a bordo casse acustiche e materiale per l’illuminazione dell’area ma anche per la vendita di alcol. Nella notte una cinquantina tra militari e agenti tra carabinieri, polizia e guardia di finanza sono stati impegnati a controllare che non si verificassero disordini o incidenti. Loro insieme al sindaco, Dante Sguazzi, hanno cercato di mediare, convincendo i presenti ad abbandonare l’area ma i partecipanti hanno rifiutato di andarsene dichiarando di essere contro tutte le regole anti covid. Solo nel primo pomeriggio di domenica i partecipanti, venuti a conoscenza dai media del focolaio Delta in paese e la notizia, unita all’afa lodigiana sui 33 gradi, hanno deciso di lasciare la zona prima del previsto.

“Tuttora sono lì delle persone e purtroppo ora si stanno disperdendo ovunque, alcuni ubriachi o drogati e qualcuno, a Maleo, ha già segnalato persone nel parco giochi comunale per bisogni fisiologici. Speriamo tutto questo finisca presto”, aveva detto Sguazzi in mattinata. La ex cava Geroletta negli anni ’90 era stata oggetto di un’operazione antinquinamento delle forze dell’ordine che avevano scoperto scarti di fonderia, contenenti anche alluminio, gettati lì illegalmente.

(immagine d’archivio)

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, i dati: 838 nuovi positivi con 224.493 tamponi. Tasso di positività stabile allo 0,4%, 40 nuove vittime (ma la metà da ricalcolo)

next
Articolo Successivo

Covid, Crepet: “Nel Cts non c’è neanche l’ombra di specialisti in psiche. E l’ordine dei medici tace. Chi paga i danni subiti dai ragazzi?”

next