È l’ultima prova per la maggioranza guidata dal presidente Emmanuel Macron in vista delle prossime Presidenziali in programma fra un anno. Oggi la Francia torna alle urne per le elezioni regionali e lo fa con l’estrema destra di Rassemblement National, la formazione guidata da Marine Le Pen, favorita nei sondaggi e che punta così a strappare ai Républicains della destra moderata e alla sinistra 6 regioni su 13.

Attesa per il risultato della formazione del presidente, La République en Marche, visto che non esistono precedenti con i quali fare confronti. Alle ultime regionali, nel 2015, il partito non esisteva ancora e in gran parte del territorio è presente con alleanze o desistenze. Lo scrutinio, rinviato di tre mesi a causa della pandemia, prevede un ballottaggio fra una settimana. Alle urne sono chiamati 48 milioni di francesi ma le previsioni parlano già di un astensionismo record, superiore anche al 51% registrato al primo turno del 2015.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Children of the Camps – Storie dall’Iraq”, il video-reportage di Terre des Hommes sui bambini dei campi per sfollati del Kurdistan iracheno

next
Articolo Successivo

Maltempo, allagamenti e tetti divelti dai violenti temporali nel Sud della Francia: forti piogge e vento fino a 140 chilometri orari

next