Per Christian Eriksen il peggio sembra ormai essere passato. Tre giorni dopo il problema cardiaco accusato in campo durante il match Danimarca-Finlandia, il calciatore ha pubblicato una foto sul suo profilo Instagram, rilanciato su Twitter dalla Nazionale danese, in cui si fa vedere sorridente dal letto di ospedale dov’è ricoverato dallo scorso sabato. “Ciao a tutti. Vi ringrazio per il vostro dolce e incredibile sostegno – recita il suo post – e per i messaggio da tutto il mondo. Ha significato molto per me e per la mia famiglia. Sto bene, considerate le circostanze. Devo ancora sottopormi a degli esami in ospedale, ma mi sento ok. Adesso voglio sostenere i ragazzi della Danimarca nelle prossime partite. Giocate per tutti i danesi. Saluti. Christian”.

Eriksen, che potrebbe essere dimesso già domani, al momento in attesa della visita di Beppe Marotta e Piero Volpi. L’amministratore delegato dell’Inter e il medico ufficiale dei nerazzurri, voleranno presto a Copenaghen per poter essere fisicamente vicini al trequartista e cercare di capire se e in che termini sarà possibile un suo ritorno in campo. A questo proposito, stando a quanto sostengono i medici, saranno necessarie settimane per capire se il giocatore potrà tornare a giocare. In particolare, l’ex cardiologo del Tottenham si è detto scettico in merito a questa possibilità, sentimento diverso dalla cautela dei medici danesi. Questi al momento non escludono ancora la possibilità che il giocatore possa tornare in campo, anche con la maglia stessa della Danimarca per portare a termine la sua esperienza a Euro 2020.

Stando a quanto trapela, Eriksen ha già potuto incontrare il portiere della nazionale, Schmeichel, e il capitano Kjaer, il calciatore che con il suo tempestivo soccorso ha contribuito a salvare la vita al calciatore danese. Intanto, proprio in merito ai momenti che sono seguiti al malore e al trasporto in ospedale, lunedì è arrivata la rivelazione del padre di Schmeichel. L’ex portiere della Nazionale ha rivelato che la squadra, subito dopo i minuti concitati del malore a Eriksen, ha ricevuto pressioni dalla Uefa per rientrare in campo. Pena? La sconfitta per 3-0 a tavolino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Valentino Rossi, il post italiano che ha riscritto il concetto di vittoria. Roberto Baggio, l’utopia e le contraddizioni elevate a sistema

next