È caduto all’improvviso sul terreno di gioco, gli occhi sbarrati, i compagni subito allarmati per le sue condizioni. Al 43esimo di Danimarca-Finlandia, primo match del gruppo B di Euro 2020, il mondo del calcio ha trattenuto il fiato per il malore di Christian Eriksen. Il 29enne trequartista danese dell’Inter si è accasciato sull’erba dello stadio Parken di Copenaghen, privo di sensi, in arresto cardiaco.

Dopo un primo intervento del capitano della Danimarca, il difensore del Milan Simon Kjær, i medici lo hanno rianimato con un lungo massaggio cardiaco, mentre i compagni di squadra hanno fatto da scudo, stringendosi attorno ai soccorritori. Dieci minuti dopo, Eriksen ha ripreso conoscenza poco prima di essere trasportato in barella fuori dal campo per essere ricoverato in ospedale. Un’ora di angoscia, match interrotto e squadre negli spogliatoi, con il fiato sospeso.

Quindi il comunicato dell’Uefa, seguito dalle conferme della Federcalcio danese e del procuratore del calciatore nerazzurro: “È cosciente, respira e può parlare”. Un messaggio tranquillizzante è stato trasmesso anche sui maxi-schermi dello stadio, dove i tifosi sono rimasti in attesa di notizie. Fino alla comunicazione ufficiale: il match è ripreso alle 20.30, per volontà dei calciatori, ha chiarito la Uefa, dopo che Eriksen ha parlato telefonicamente dall’ospedale Rigshospitalet con i compagni di squadra, come confermato presidente della Federcalcio danese, Peter Møller.

Dal presidente dell’Inter Steven Zhang a Cristiano Ronaldo sono state migliaia le reazioni del mondo del calcio in supporto del calciatore nerazzurro. Eriksen gioca nell’Inter dal gennaio 2020. Due anni fa è stato uno dei trascinatori del Tottenham, compiendo l’impresa di portare gli Spurs guidati da Mauricio Pochettino fino alla finale di Champions (poi persa contro il Liverpool di Jurgen Klopp), quindi si è fatto apprezzare dal pubblico della San Siro nerazzurra, al quale ha mostrato giocate di qualità e anche abilità sui calci piazzati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Europei 2021, canti e cori sul pullman della Nazionale dopo la vittoria contro la Turchia: i calciatori intonano “Notti magiche”

next
Articolo Successivo

La lezione danese sul concetto di squadra: il soccorso di capitan Kjaer, il muro oplitico dei compagni e il ‘giocate’ di Eriksen dall’ospedale

next