C’era molta attesa per il Fortuna Live 2021 di Emma all’Arena di Verona e per diversi motivi. Il primo è che con la prima delle due date veronesi si dà il via alla stagione dei concerti pop a capienza Covid, dopo la prova generale a Lignano Sabbiadoro il 3 giugno scorso. Gli occhi erano puntati sulle seimila persone – numero concesso da una deroga regionale, il protocollo prevede massimo mille persone in location all’aperto – e sull’applicazione delle stringenti misure di sicurezza emanate dal Governo e dal Cts.

LA DEDICA COMMOVENTE AI FAN E A MICHELE MERLO

“Arriviamo da un periodo catastrofico. Qualcuno è migliorato, altri sono peggiorati ma vale per tutti – ha dichiarato Emma ad inizio concerto -. Sono contenta di essere qui e in Arena avrei suonato anche se mi avessero dato 100 posti. Non è importante anche perché sono i nostri dieci anni di carriera. Vedo le facce di tutti i ragazzi e le ragazze che mi seguono dal primo giorno. Ci sono quelli che si sono aggiunti da poco e sono nuovi ed è una bella cosa. Poi ci sono anche quelli che restano per sempre. Quindi ringrazio chi c’è questa sera e non è scontato. Grazie per questi dieci anni insieme meravigliosi vi porto nel cuore, nella parte migliore di me. Dedico questo concerto a una persona che è nel mio cuore. Forza Miky!”. Emma nel 2017 era la caposquadra ad “Amici di Maria De Filippi” di Michele Merlo. Il cantautore ieri sera versava in gravissime condizioni, ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell’Ospedale Maggiore di Bologna, colpito da un’emorragia celebrale scatenata da una leucemia fulminante e sottoposto a un delicatissimo intervento chirurgico”. E stamattina 7 giugno la notizia della morte di Michele: “Ho cantato forte per te”, ha twittato la cantante con palpabile commozione.

IL PROTOCOLLO SANITARIO E L’ORGANIZZAZIONE

La pioggia persistente per tutto il pomeriggio non ha scoraggiato chi aveva pagato il biglietto: c’è chi ha trovato riparo sotto le arcate, chi nei bar e chi si è rifugiato nei negozi con la scusa di uno shopping last minute. Per fortuna poi il tempo ha retto e non è scesa una goccia durante tutta la serata. I cancelli per l’ingresso al pubblico sono stati aperti dalle 18:30 e in fila ordinata fan, amici, genitori con figli, coppie hanno atteso il proprio turno. Mascherina ffp2 obbligatoria per accedere, gel per le mani all’ingresso e in Arena, controllo della temperatura e assegnazione dei posti in platea e nelle gallerie numerati, distanziati. Solo nel caso di congiunti o appartenenti al nucleo familiare, gli spettatori potevano sedere vicini. L’emozione di tornare ad assistere ad un concerto in una grande arena era tanta da parte dei fan. Federica, 17 anni, è arrivata da Roma con la mamma perché non poteva perdere l’occasione di cantare le canzoni della sua artista preferita: “Ho fatto di tutto per convincere mia madre ad accompagnarmi ed eccoci qui”. C’è chi invece ha “torturato” il proprio fidanzato per arrivare fino a Verona: “Veniamo da Firenze – racconta Giuseppe – per sostenere Emma ma anche per ritrovarci con alcuni fan e amici”. Nei giorni precedenti infatti, tramite i social, diversi fan si sono organizzati per dividersi le spese dell’albergo ma anche per organizzare al meglio l’arrivo all’Arena. Al fine di agevolare il pubblico dei concerti di Emma, Friends&Partners ha rinnovato una partnership con Trenitalia come vettore ufficiale del tour. Per tutti i fan di EMMA è possibile ottenere uno sconto del 30% sul prezzo base del biglietto per Frecce, Intercity e Intercity Notte per raggiungere le città del tour. Alle 20:30 i cancelli si sono richiusi tassativamente per consentire l’inizio dello show alle 21 puntuale. Infatti come comunicato dall’organizzazione il termine tassativo del concerto è per le 23 ed eccezionalmente il coprifuoco è stato posticipato fino all’1 per consentire il deflusso e il rientro nelle proprie abitazioni. L’organizzazione generale è stata impeccabile da parte dell’agenzia Friends & Partners che ha cercato in tutti i modi di garantire che – nonostante le mille difficoltà – si potessero accendere le luci e si consentisse e centinaia di lavoratori dello spettacolo di poter tornare ad essere operativi, dopo un anno e mezzo di estrema difficoltà economica nonostante i ristori del Governo. “Nessuno è rimasto a casa”, aveva annunciato Emma. E così è stato.

L’OMAGGIO A BATTIATO E L’INNO ALLA LIBERTÀ
Toccante anche la dedica a Franco Battiato con Emma accompagnata al pianoforte da Dardust. “Questo è il mio omaggio ad un maestro che ci ha lasciati. Era un mio grande amico. Questa era la nostra canzone quando andavo da lui, la cantavamo assieme”, Emma ha così introdotto “La canzone dei vecchi amanti” di Battiato per concludere con la sua “Quando le canzoni finiranno”. Infine un augurio speciale: “Vi auguro di circondarvi di persone che vi facciano sentire liberi e mi spiace per tutti quelli che sono circondati da gente cattiva, frustrata e maledettamente inutile. E ciao, sono stata chic!”. Emma per due ore ha toccato tutti i brani significativi della sua carriera, racchiudendoli in un medley per non scontentare nessuno. Due anni di assenze dalle scene live, a causa anche della pandemia, l’artista non si è risparmiata e senza troppe pause tra una canzone e l’altra ha chiuso lo show con grinta e passione.

LA BAND E I BALLERINI
Emma era accompagnata sul palco da Lucio Enrico Fasino (basso), Federica Ferracuti (tastiere e synt chitarre), Dj Zak (deejay), Raffaele Rufio Littorio (chitarre) e Jacopo Volpe (batteria). “Ho voluto con me dei ballerini perché la danza è un altro settore che ha vissuto in difficoltà enormi”, aveva spiegato la cantante e infatti sono stati diversi i momenti coreografici firmati da Macia Del Prete con protagonisti: Daniele Sibilli, Giuseppe Gioffrè, Gabriele Esposito, Valentina Vernia e Barbara Pedrazzi.

LA SCALETTA 1. Intro 2. “Con Le Nuvole” (da “A me piace così”, 2010) 3. MEDLEY “Davvero” (da “Oltre”, 2010) “Meravigliosa” (da “Oltre”, 2010) “Cullami” (da “A me piace così – Special Edition, 2010) 4. “Calore” (da “Oltre”, 2010) 5. “Sarò Libera” (da “Sarò Libera”, 2011) 6. “Non è L’inferno” (da “Sarò Libera – Sanremo Edition”, 2011) 7. “Cercavo Amore” (da “Sarò Libera”, 2011) 8. “L’amore non mi Basta” (da “Schiena”, 2013) 9. “Dimentico Tutto” (da “Schiena”, 2013) 10. MEDLEY “Schiena” (da “Schiena”, 2013) “Resta ancora un po’” (da “E Live”, 2014) “Trattengo il fiato” (da “Schiena”, 2013) “In ogni angolo di me” (da “Schiena”, 2013) 11. “La mia Città” (da “Schiena”, 2013) 12. “Amami” (da “Schiena”, 2013) 13. “Occhi Profondi” (da “Adesso”, 2015) 14. “Il paradiso non Esiste” (da “Adesso”, 2015) 15. “Mi parli piano” (da “Essere qui”, 2018) 16. MEDLEY “L’isola” (da “Essere qui”, 2018) “Effetto Domino” (da “Essere qui”, 2018) 17. MEDLEY “Basti solo tu” (da “Fortuna”, 2019) “Corri” (da “Fortuna”, 2019) “Alibi” (da “Fortuna”, 2019) 18. “Luci Blu” (da “Fortuna”, 2019) 19. “Pezzo di Cuore” (da “Best of ME”, 2021) (insieme ad Alessandra Amoroso) 20. “Stupida Allegria” (da “Fortuna”, 2019) 21. “Quando l’amore finisce” (da “Fortuna”, 2019) 22. “Che sogno incredibile” (da “Best of ME”, 2021) (insieme a Loredana Bertè) 23. “Io sono Bella” (da “Fortuna”, 2019) 24. “Latina” (da “Fortuna”, 2019) 25. “Fortuna” (da “Fortuna”, 2019)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I Sottotono a FQMagazine: “Tiziano Ferro era il nostro corista, ora impariamo da lui. Noi? Dopo 20 anni insieme: ecco chi c’è nel disco”

next
Articolo Successivo

Da Verdi ai Beatles passando per il jazz: il progetto musicale eterogeneo della Società del Quartetto di Milano. Prima data il 21 giugno

next