Dopo cinque anni di onorata carriera, coronati dall’assegnazione di una medaglia d’oro per il suo “coraggio salvavita“, Magawa va in pensione. Il topo eroe della Cambogia, che con il suo fiuto sorprendente è riuscito a individuare 71 mine antiuomo e 38 ordigni inesplosi, si ritira dopo “aver permesso alle comunità locali di vivere, lavorare, giocare ed essere istruite, senza paura di perdere la vita o un arto“, come ha annunciato Apopo l’organizzazione non governativa internazionale per lo sminamento che lo ha addestrato. A raccontare la sua storia è la Cnn, in un lungo articolo che elogia il servizio reso da questo roditore alla sua comunità.

Magawa è infatti un topo gigante africano, un roditore di dimensioni mediamente più grandi rispetto a quelle del topo domestico ma comunque abbastanza leggero da poter passare sopra a una mina antiuomo senza farla esplodere, rischio che invece corrono gli artificieri. Per questo è stato addestrato da Apopo a riconoscere e individuare l’odore delle sostanze chimiche presenti nell’esplosivo usato per confezionare le mine, cosi da indicarle agli uomini addetti alla bonifica dei territori colpiti durante la guerra del Vietnam. Magawa ha iniziato il suo addestramento a due anni e “ha superato tutti i suoi test a pieni voti” prima di essere messo in azione in Cambogia.

Sono stati gli uomini dell’ente di beneficenza veterinario britannico il People’s Dispensary for Sick Animals (PDSA) a riconoscere e premiare la sua incredibile velocità e precisione nel trovare le mine inesplose: pensate, Magawa è in grado di bonificarte un’area delle dimensioni di un campo da tennis in 30 minuti, cosa che potrebbe richiedere a un essere umano quattro giorni di lavoro usando un metal detector, con in più un elevatissimo rischio di ferirsi o, peggio, morire. “Ha lavorato sodo e merita di rilassarsi ora – ha spiegato l’organizzazione su Twitter -. Anche se è ancora in buona salute, ha raggiunto l’età della pensione e sta chiaramente iniziando a rallentare. Ha liberato oltre 225mila metri quadrati di terreno da ordigni potenzialmente mortali, è ora di salutarlo“. L’Apopo ha fatto sapere di aver disboscato 4,3 milioni di metri quadrati di terreno lo scorso anno nella sola Cambogia, cosa che “non sarebbe stata possibile senza l’aiuto di piccoli eroi come Magawa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diletta Leotta: “A Napoli mi hanno fatto un coro con cose che una donna non dovrebbe mai sentirsi dire”

next
Articolo Successivo

Se l’esercizio fisico diventa un farmaco: l’Oms non ha dubbi sulla sua efficacia, ecco le patologie in cui funziona

next