“L’Italia rimane al fianco della Libia e conferma il suo convinto impegno per il consolidamento della pace e della sicurezza. Ribadiamo la nostra determinazione a collaborare con l’autorità esecutiva unificata ad interim e a sostenerla nelle prossime decisive fasi della transizione istituzionale”. Queste le parole del presidente del Consiglio, Mario Draghi, al termine dell’incontro a Palazzo Chigi col Primo ministro libico Abdulhamid Dbeibah. “L’Italia è determinata a continuare ad aiutare la Libia insieme ai partner internazionali – ha affermato Draghi – ricordando come nell’ultimo consiglio Europeo abbia avanzato “la richiesta di affrontare il tema immigrazione”. I temi “migratori e umanitari”, ha aggiunto, “rappresentano una priorità per la Libia e per l’Italia. Abbiamo preso in esame il controllo delle frontiere libiche, anche meridionali, il contrasto al traffico di esseri umani, l’assistenza ai rifugiati, i corridoi umanitari, e lo sviluppo delle comunità rurali. L’Italia intende continuare a finanziare i rimpatri volontari assistiti e le evacuazioni umanitarie dalla Libia. Ritengo sia interesse anche libico assicurare il pieno rispetto dei diritti di rifugiati e migranti. L’Italia continuerà a fare la sua parte in termini di risorse e capacità formative, ma serve un’azione dell’Ue determinata e rapida

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calabria, Nicola Irto ritira la sua candidatura a governatore e scatena la polemica nel Pd: “Nel partito stallo e troppi tatticismi”

next
Articolo Successivo

Caso Uggetti, l’ex sindaco di Lodi attacca il Fatto Quotidiano ma non spiega i verbali

next