Interrotte dalle bandiere rosse nel finale le qualifiche del Gran Premio d’Italia di Moto3, a causa di un gravissimo incidente che ha coinvolto lo svizzero Jason Dupasquier, 19 anni, e il giapponese Ayumu Sasaki, entrambi su Ktm, e lo spagnolo Jeremy Alcoba su Honda. Dopo essere caduto in uscita dalla curva “Arrabbiata 2”, Dupasquier è rimasto al centro della pista ed è stato travolto dalla moto di Sasaki, che lo seguiva a breve distanza.

Dupasquier, rimasto a terra sull’asfalto, è stato soccorso in pista dall’ambulanza e subito dopo trasportato in elicottero al pronto soccorso dell’ospedale Careggi di Firenze: ha riportato un politrauma ed è in condizioni gravi. “È stato un incidente davvero molto serio. I soccorsi sono stati tempestivi e subito dopo è stato trasferito all’ospedale”, spiega Giancarlo Di Filippo, medico della Federazione italiana motociclismo. Il 19enne svizzero è stato sottoposto a risonanza magnetica per verificare quale sia la zona più critica sulla quale intervenire con maggiore urgenza. È possibile che in seguito venga sottoposto a intervento chirurgico, ma per ora si è deciso di attendere l’evoluzione del quadro clinico.

“La squadra dei medici ha la situazione sotto controllo. Forza ragazzo, hai 19 anni!”, twitta il governatore della Toscana Eugenio Giani. “Dedico questa pole a Jason Dupasquier e spero che ci siano presto buone notizie“, ha detto Fabio Quartararo, pilota Yamaha, commentando la pole position conquistata nella classe MotoGp.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

MotoGp, doppietta Ducati in Francia: trionfa Miller davanti a Zarco. Terzo Quartararo che torna leader del Mondiale

next
Articolo Successivo

Giro a ruota libera – la Verbania-Alpe Motta, penultima tappa, la vince ‘all’antica’ Damiano Caruso

next