Molte polemiche, auditel vuoto. Lo sbarco su Mediaset per celebrare la 30°edizione non regala buoni risultati alla “Partita del Cuore“, la serata evento condotta da Federica Panicucci ha incollato allo schermo solo 2.197.000 telespettatori con il 9,7% di share. Numeri meno rilevanti considerando le finalità benefiche ma l’auditel, oltre a segnalare il flop, ricorda che si tratta dell’edizione meno vista dal 1992, anno del debutto, in share e della seconda meno vista in valori assoluti.
Nel corso della serata, preceduta da una vigilia accesa per il caso Aurora Leone, sui social non sono passate inosservate due gaffe, per alcuni semplici battute, di Sinisa Mihajlovic. Il tecnico presente alla serata come allenatore dei Campioni della ricerca ai microfoni di Giorgia Rossi ha segnalato un errore sul tabellone dell’Allianz Stadium: “Segna 1 a 0 per loro ma siamo in vantaggio noi 2 a 1”, subito dopo si è rivolto alla Rossi: “Di’ al ciccione di cambiare il risultato“, riferendosi a Pierluigi Pardo presente in telecronaca.
La forma fisica dell’ex conduttore di Tiki Taka è tornata di nuovo al centro della discussione nel collegamento successivo con il mister serbo che ha rincarato la dose: “Pardo è l’unico che in tv è più magro che dal vivo. Dal vivo è più ciccione”. Poco prima, dopo le parole della Rossi che aveva sottolineato il gol del cantante Moreno, l’allenatore aveva chiesto: “Moreno, il nano?“. Toni scherzosi o eccessivi? Le parole di Sinisa hanno generato pareri contrastanti anche sui social.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Christina Bertevello, l’influencer condannata per aver partecipato al pestaggio di un 18enne: fu legato a un albero e preso a calci e bastonate

next
Articolo Successivo

Veleno, la nuova attesissima serie di Amazon Prime su “i diavoli della bassa modenese”: tra pedofilia e satanismo, ecco i dettagli

next