Il toccante monologo interpretato da Valeria Solarino sull’identità di genere in chiusura dell’undicesima edizione del “WeWorld Festival” dedicata agli stereotipi, ai diritti e all’empowerment femminile. L’attrice, pronta a tornare a teatro con il nuovo spettacolo “Gerico Innocenza Rosa”, in cui si affrontano proprio queste tematiche, rivendica nel testo scritto da Giovanni Veronesi la libertà dell’essere umano di essere ciò che è: “Sono maschio e sono femmina, sono uomo e sono donna. Sono tutto, sono io. Che volete da me? Sono due in uno anzi, uno in due. Un essere umano solo in due persone complete e felici. Sono tutto, sono Dio”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Persone non Binary, per dare dignità alla loro vita serve una legge

next