Si chiama “Giulia Radiomobile” la nuova Alfa Romeo al servizio delle Tenenze e delle Stazioni dei Carabinieri impegnate nel controllo del territorio. Saranno 1.770 gli esemplari della vettura destinati ai Carabinieri, tutti equipaggiati con motore quattro cilindri 2.0 turbo 200 CV, cambio automatico a 8 rapporti e livrea blu istituzionale.

Le nuove Alfa Romeo Giulia rafforzano il sodalizio storico tra Alfa Romeo e i Carabinieri, nato nel secondo dopoguerra quando tutte le “Gazzelle” avevano il marchio del Biscione. “La prima Alfa Romeo dell’Arma è stata la 1900 M “Matta” nel 1951. Un anno dopo, con la berlina 1900 è nata la Gazzella”, spiega il costruttore in una nota ufficiale, ricordando che “il legame tra l’Arma e Alfa Romeo è proseguito negli anni con vetture sempre più grintose e affidabili: dall’Alfetta alla 90, dalla 75 alla 155, dalla 156 alla 159, arrivando sino all’eccezionale Giulia Quadrifoglio, simbolo dell’eccellente know-how tecnologico e del migliore spirito creativo del nostro Paese”.

Molte di queste vetture sono esposte permanentemente presso il Museo Alfa Romeo di Arese, nella sezione “Alfa Romeo in Divisa”, realizzata in collaborazione con l’Arma e inaugurata il 24 giugno 2020 in occasione del centodecimo compleanno del brand.

La dotazione tecnologica della vettura è stata realizzata secondo le richieste dell’Arma e include:

Pannello messaggio variabile aerodinamico di ultima generazione

Due lampeggianti con luce laterali e faro orientabile di ultima generazione

Lampeggianti led su specchi retrovisori esterni

Parabrezza blindato (livello B4) e cristalli laterali e lunotto antisfondamento (anteriori antiframmentazione)

Porte anteriore blindate con protezione piedi scendenti (livello B4)

Protezione antiscoppio del serbatoio carburante

Due portaarma elettromeccanico

Cellula detenuto unipersonale (permette un terzo equipaggio)

Portagiubbotti antiproiettili in abitacolo

Due porta tonfa e paletta

Radio in posizione centrale per l’utile impiego da parte di entrambi i componenti dell’equipaggio

Sistema di amplificazione e diffusione esterno vettura

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Abarth: una one-off omaggia la 1000 SP degli anni Sessanta

next