Allungare a 42 giorni l’intervallo di tempo tra prima e seconda dose non modifica l’efficacia del vaccino Pfizer, la copertura arriva all’80% dopo un paio di settimane dalla prima dose”. Lo ha precisato Gianni Rezza, direttore del Dipartimento di prevenzione del ministero della Salute, rispondendo alle domande durante la conferenza stampa sull’analisi dei dati del monitoraggio regionale Covid-19 della Cabina di regia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Rezza: “Variante indiana più trasmissibile ma non più aggressiva dal punto di vista clinico”

next
Articolo Successivo

Vaccini, Orlando: “Pronta a partire la campagna nei luoghi di lavoro”. Priorità ai settori più esposti: dai trasporti alla ristorazione – Le tabelle

next