Il mondo del cinema piange Olympia Dukakis, l’attrice si è spenta all’età di 89 anni. L’artista, premio Oscar come miglior attrice non protagonista per la sua interpretazione della pignola madre di Cher nel film Stregata dalla luna, è morta sabato 1 maggio nella sua casa di New York. L’annuncio della scomparsa è stato dato dal fratello, l’attore Apollo su Facebook: “Dopo molti mesi di salute cagionevole è finalmente in pace e di nuovo con suo marito Louis”. L’attrice statunitense era vedova dell’attore Louis Zorich, morto nel 2018 all’età di 93 anni, da cui aveva avuto tre figli.

Olympia Dukakis era nata a Lowell, nel Massachusetts, il 20 giugno 1931 da genitori greci emigrati negli Usa in cerca di fortuna nel mondo dello spettacolo. Era cugina del politico Michael Dukakis, esponente del Partito Democratico, candidato alle elezioni presidenziali del 1988, sconfitto dal vice presidente uscente George H. W. Bush. L’attrice conobbe la grande popolarità solo nel 1987: grazie al ruolo di Rosa Castorini che interpreta nella commedia romantica con protagonista Cher del regista Norman Jewison, in quell’occasione vinse l’Oscar ed anche i premi della Los Angeles Film Critics Association e della National Board of Review, oltre a un Golden Globe.

La sua è stata una vita dedicata al teatro e all’impegno civile. Come sul tema della difesa dei diritti della donna e sui problemi dell’ambiente, argomenti per i quali è scesa in campo ben prima che la sensibilità comune ne riconoscesse l’importanza. Negli ultimi trent’anni era diventata anche imprenditrice nel campo alimentare: aveva prodotto, infatti, con il suo nome una linea di condimenti greci, facendo conoscere la cucina greca al pubblico americano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In the mood for love, torna in sala restaurata in 4k la vibrazione stordente di una storia d’amore sospesa – Il (nuovo) trailer

next
Articolo Successivo

Obbligo della sala per i film prodotti con il contributo dello Stato, ecco perché il decreto fa infuriare Anec

next