Giovanni Ciacci, che qualche giorno fa da Barbara D’Urso ha dichiarato che “vede delle buche e cade” (come possibile effetto collaterale del covid, secondo il parere del suo medico, ndr), è stato vittima di uno scherzo de Le Iene. L’opinionista ha una grande paura, anzi fobia: il buio. La Iena Mitch con l’aiuto di una amico di Ciacci, Daniele, gli ha organizzato uno scherzo estremo. Mentre l’opinionista credeva di andare promuovere la sua nuova attività, un parco giochi per bambini, si è ritrovato in un capannone. Che in effetti l’amico aveva organizzato “a puntino” per i bimbi, con varie aree di intrattenimento. Peccato che una volta dentro il capannone, sia subito saltata la luce. Ciacci ha iniziato ad avere paura anche perché il proprietario dell’immobile si è “manifestato” proprio al buio, dimostrandosi subito un uomo dal fare un po’ losco.

Poco dopo, l’opinionista fa una scoperta “agghiacciante”: l’uomo tiene la figlia segregata al piano di sopra. E così durante un nuovo blackout prova a liberarla insieme all’amico Daniele. Ed ecco che, una volta riusciti a salire in macchina insieme alla donna, la situazione degenera: Ciacci vuole andare alla polizia ma i tre sono braccati dal padrone del capannone, l’amico perde tempo, Ciaccii grida. Lo stylist si è sente male e inizia a urlare: “Ti prego, ti prego”. Poi si accascia sulla macchina urlando ancora: “Il braccio, il braccio”. Le Iene decidono così di interrompere lo scherzo: “Avremmo voluto continuare lo scherzo, ma anche noi ci siamo preoccupati e così siamo subito intervenuti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maurizio Mannoni torna all’attacco contro Bianca Berlinguer: “In onda con un ingiustificabile ritardo per vedere i giochini di Art Attack”

next