Cnh Industrial non cederà Iveco alla cinese Faw. L’interruzione della trattativa è stata confermata dall’azienda, che orbita nel gruppo Exor, spiegando che “continua a perseguire i piani esistenti in vista della separazione di queste attività nella prima parte del 2022”. La notizia è stata accolta con favore dal ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, che aveva già storto il naso per la possibilità che la proprietà diventasse cinese. Mentre i sindacati chiedono “certezze” e un tavolo per la verifica del piano di investimenti siglato nel marzo 2020.

“Accogliamo con favore e valutiamo positivamente la notizia del mancato perfezionamento della trattativa tra Cnh e Faw Jiefang per la vendita di Iveco”, ha messo nero su bianco Giorgetti. “Il governo italiano ha seguito con attenzione e attiva discrezione tutta la vicenda – ha aggiunto il ministro – perché ritiene la produzione di mezzi pesanti su gomma di interesse strategico nazionale”. Il Mise, ha concluso Giorgetti, è “pronto a sedersi al tavolo per intervenire per tutelare e mantenere questa produzione in Italia”.

Una risposta indiretta ai sindacati che chiedono una convocazione da parte del governo. “Necessaria” e “urgente” la definisce la Fiom-Cgil per “le garanzie sull’accordo sottoscritto il 10 marzo del 2020 al Mise per gli investimenti sul gruppo, a partire da Iveco, per dare prospettive occupazionali attraverso l’implementazione del piano industriale fondato sull’innovazione tecnologica”, afferma Michele De Palma, segretario nazionale Fiom-Cgil e responsabile automotive.

“Il tempo delle dichiarazioni alla stampa e del silenzio del tavolo istituzionale è finito, chiediamo certezze per un settore strategico per il nostro Paese e per le lavoratrici e i lavoratori, con tutti gli strumenti a disposizione del governo con le risorse del Recovery Fund per investire sulla filiera della produzione di mezzi per la mobilità del trasporto pubblico delle persone e del trasporto merci”, aggiunge De Palma.

L’interruzione della trattativa viene accolta con “sollievo” dalla Uilm, che sottolinea come i volumi produttivi di Iveco “sembrano essere in generale ripresa e quindi siamo fiduciosi che questa storica azienda italiana possa andare avanti con le proprie forze”, dice il segretario nazionale Gianluca Ficco. “Abbiamo un accordo sul piano di investimenti siglato a marzo 2020 – aggiunge – e diventa importante un momento di verifica sulla sua esecuzione. Rinnoviamo inoltre la richiesta al governo di interessarsi a un’azienda e a un settore così importanti per il nostro Paese”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il conto del Covid in busta paga, 39 miliardi di euro in meno di stipendi. Il calo italiano è il peggiore d’Europa

next
Articolo Successivo

Ferrero va alla guerra dei gelati, prodotto dolciario simbolo della storia italiana che oggi vale 2 miliardi di euro l’anno

next