Il presidente francese Emmanuel Macron, nelle scorse ore ha annunciato da Reims, nel nord della Francia, che sarà disposto un rimborso forfettario da parte della Sanità pubblica di 10 sedute da uno psicologo per i bambini la cui salute psichica sia stata messa a dura prova dalla crisi del Covid-19. “Oggi – ha detto il capo dello Stato nel corso di un incontro con il personale sanitario del servizio di psichiatria infantile dell’ospedale di Reims – abbiamo un problema di salute che riguarda i nostri bambini e adolescenti, che si aggiunge a quello dell’epidemia”.

Nel 2020, secondo quanto riferito da le Monde, le richieste d’assistenza per motivi d’emergenza psichiatrica sono aumentati del 40 per cento. Mentre il 40% dei genitori ha osservato segnali di stress dal primo lockdown. La Sanità pubblica, nell’ultimo anno, ha rilevato che gli stati d’ansia e di depressione sono aumentati e riguardano circa il 31% della popolazione generale. A gennaio inoltre è stato istituito il “chèque psy“, ovvero “il buono psicologo” per gli studenti: il buono riguarda tre sedute da uno psicologo o psichiatra previa visita con il proprio medico di base e può essere rinnovato una volta (per un totale di sei sedute). A inizio aprile è stata lanciata una campagna perché i francesi “parlino del loro stato psicologico” e ha ribadito l’esistenza di vari servizi di supporto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cuba, si apre il congresso del Partito Comunista senza i Castro. Obiettivo: sopravvivere

next