È Ciro Priello il vincitore della prima edizione di “Lol-Chi ride è fuori“, il programma disponibile in sei episodi su Prime video, titolo rivelazione di Amazon esploso sui social. Dieci comici, chi non ride vince, alla conduzione Fedez e Mara Maionchi. Il volto dei The Jackal ha battuto in finale Katia Follesa aggiudicandosi 100 mila euro: “Voglio devolvere questa somma ad Action Aid, una onlus che conosciamo da tempo, noi The Jackal abbiamo collaborato molto con loro”, ha annunciato dopo la vittoria.

“Arrivato a un certo punto è stato quasi facile, superata una certa soglia non mi faceva ridere più niente, ero come mentalizzato. Ho cercato di chiudere le orecchie, ascoltavo senza ascoltare. Soprattutto all’inizio. In maniera molto furba cercavo di bere e mangiare in continuazione per nascondere qualsiasi abbozzo di sorriso nelle smorfie della bocca; anche far finta di bere mi ha aiutato tantissimo. Poi via via sono entrato in una sorta di trance che escludeva la possibilità di ridere. In realtà ero convintissimo di uscire nei primi tre minuti”, ha dichiarato al Corriere della Sera.

Ma chi è il vincitore del programma di cui tutti parlano sui social? Il napoletano Ciro Capriello, questo il suo vero nome, classe 1986, è un attore, autore e imitatore. “Il mio primo grande sogno era fare il ballerino in tv, nasco come ballerino di jazz e hip hop, una passione che ho sempre coltivato al fianco della recitazione. Nel 2004 partecipai ad Amici, passai tutte le selezioni ma non fui ammesso al serale. Fu un duro colpo e decisi di non continuare più con la danza”, ha dichiarato al primo quotidiano italiano.

Accantonata la danza la nascita dei The Jackal, società di produzione nata a Napoli nel 2005, di cui fa parte anche l’altro concorrente Fru. Un successo costruito ed esploso sul web, prima con Youtube e poi l’avvento dei social. Un trionfo che ha superato i confini del web per approdare in tv, con diverse ospitate anche nello show Stasera tutto è possibile, e al cinema. Nel 2017 il gruppo ha realizzato il primo film “AFMV-Addio fottuti musi verdi” ma la mediaticità dei The Jackal è stata favorita dalle parodie di Gomorra, i video con “Gli effetti di Gomorra la serie sulla gente” nel 2014 favorirono la viralità del loro lavoro con il coinvolgimento di Roberto Saviano e Salvatore Esposito. Prossimamente su Netflix arriverà la serie “Generazione 56K” e durante la pandemia per RaiPlay hanno realizzato “Tanto non uscivo lo stesso“. Priello è sposato con Maura Iandoli, blogger, attrice ed ex attrice radiofonica, dal loro amore è nata ad agosto 2016 la piccola Anna.

Lillo e Pintus sono due comici che mi hanno fatto sempre molto molto molto ridere, quando li ho visti entrare ho pensato: ecco è già finita. Poi la ciliegina sulla torta è stato Elio che si è presentato travestito da Monna Lisa. Così ho pensato di giocarmi subito le mie carte con un mio pezzo forte: la terzo braccio challange, il balletto con il braccio che spunta dalla pancia”, ha concluso Priello.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Aria che Tira, Myrta Merlino sbotta in diretta: “Devo fare una scenata a Nicola Zingaretti”

next
Articolo Successivo

Canzone Segreta non è una sorpresa. Serena Rossi si ferma al 16% contro le repliche di Ciao Darwin

next