Le nuove infezioni da Coronavirus registrate in Germania nelle ultime 24 ore sono state 20.407, più del doppio rispetto al giorno prima. E si sono contati altri 306 decessi. Ad annunciarlo è stato il Robert Koch Institut, che mercoledì aveva lanciato l’allarme sulla crescente diffusione del virus negli asili nido e nelle scuole. L’istituto ha spiegato inoltre che ora si registrano più focolai nelle famiglie e nell’ambiente professionale. Al contrario, è diminuito il numero di focolai nelle case di cura e di riposo per anziani. La cancelliera Angela Merkel ha auspicato un nuovo lockdown “breve ma uniforme”.

Una situazione che ha portato a un aumento dei ricoveri nella terapie intensive e che ha spinto la Cancelliera Angela Merkel a chiedere ai Lander di dare il via libera a “un breve e uniforme lockdown. L’attuale lockdown, che prevede la possibilità di allentare le restrizioni laddove l’incidenza settimanale scenda sotto i 100 casi per 100mila abitanti, non è infatti considerato sufficiente.

“Sarebbe importante adottare un approccio federale comune“, ha dichiarato il vice portavoce dell’esecutivo, Ulrike Demmer, facendo riferimento all’alto numero di pazienti ricoverati nelle unità di terapia intensiva in Germania. I governatori dei Laender, responsabili per l’imposizione e la rimozione delle restrizioni, hanno adottato approcci diversi: alcuni sostengono passi limitati di riaperture, mentre altri sostengono una chiusura più rigida. Armin Laschet, governatore ma anche guida del partito di Merkel, chiede un “lockdown ponte” di 2-3 settimane per controllare i contagi mentre aumentano le vaccinazioni. Inoltre Laschet ha chiesto che nella prossima riunione fra Merkel e i governatori ci sia un coordinamento sulle restrizioni.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il ‘ceffone’ maschilista di Erdogan a Ursula von der Leyen va oltre la politica o la cortesia

next
Articolo Successivo

La Virginia primo Stato del Sud negli Usa a legalizzare la marijuana per uso personale

next