Rimandati a casa senza il richiamo del vaccino Pfizer perché le dosi sono terminate. Gli anziani veronesi che oggi speravano di ricevere la seconda dose e ritenersi finalmente immunizzati dovranno attendere qualche altro giorno perché le fiale della casa farmaceutica americana destinate alla Ulss 9 Scaligera sono terminate.

Resta da capire perché decine di persone over 80 siano state convocate alla Fiera di Verona e a Bussolengo per ricevere la seconda dose e poi essere rimandate a casa. L’Ulss 9 ha comunicato della mancata disponibilità solo con un avviso sul sito, nel quale si precisa che “per carenza di dosi di vaccino Pfizer, gli appuntamenti per la seconda dose programmati nei Centri di Vaccinazione di Bussolengo e Verona nei giorni 5, 6 e 7 aprile sono rimandati nelle stesse sedi e nello stesso orario” all’8, 9 e 10 aprile. Disagi sono stati segnalati anche a Legnago (Verona) dove, invece, sono stati convocati alcuni anziani che però non risultavano iscritti alle liste di prenotazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il pressing delle Regioni per le riaperture: “Dal 20 aprile se migliorano i dati”. Il governo: misure valutate su base settimanale

next