È morta a 99 anni Sarah Obama, nonna acquisita dell’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama. Lo hanno confermato parenti e funzionari, senza specificare la causa del decesso. Mama Sarah, come veniva affettuosamente chiamata, è stata una filantropa che ha promosso l’istruzione per ragazze e orfani. La figlia Marsat Onyango ha riferito che la madre è morta intorno alle 4 del mattino, ora locale, mentre era in cura presso l’ospedale Jaramogi Oginga Odinga a Kisumu, la terza città del Kenya, nell’ovest del Paese.

Sarah Obama è stata la seconda moglie del nonno del presidente Obama e ha contribuito a crescere suo padre, Barack Obama, Sr. La famiglia fa parte del gruppo etnico Luo del Kenya. “È morta questa mattina. Siamo devastati“, ha detto la figlia all’Associated Press. I dettagli sui preparativi per la sepoltura saranno annunciati più tardi, ha aggiunto. La donna era musulmana e non è chiaro se verrà sepolta secondo le pratiche della sua fede che prevedono la sepoltura entro 24 ore dalla morte. Sarah Obama sarà ricordata per il suo lavoro nel promuovere l’istruzione per dare potere agli orfani, ha detto il governatore di Kisumu, Anyang Nyong’o, porgendo le sue condoglianze alla gente del villaggio di Kogelo. “Era una filantropa che ha mobilitato fondi per pagare le tasse scolastiche per gli orfani”, ha aggiunto.

Il presidente Obama ha spesso mostrato affetto nei suoi confronti e l’ha chiamata “nonna” nel suo libro di memorie, ‘Dreams from My Father’. Ha detto di averla incontrata durante il suo viaggio nel 1988 nella patria di suo padre e ha descritto il loro imbarazzo iniziale mentre cercavano di comunicare che si è evoluto in un legame caloroso. La donna ha partecipato al primo insediamento di Barack Obama come presidente nel 2009. Più tardi, l’ex capo di Stato ha parlato di nuovo di lei nel suo discorso del settembre 2014 all’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Per decenni, Sarah Obama ha aiutato gli orfani, crescendone alcuni nella sua casa. La Mama Sara Obama Foundation ha contribuito a garantire cibo e istruzione ai bambini che hanno perso i genitori, fornendo materiale scolastico, uniformi, cure mediche di base e rette scolastiche. In un’intervista del 2014 con Associated Press ha detto che non voleva che i suoi figli fossero analfabeti e ha ricordato quando pedalava per nove chilometri portando il padre di Barack Obama sul retro della sua bicicletta per assicurarsi che ricevesse l’istruzione che lei non ha mai avuto. “Amo l’istruzione”, ha detto Sarah Obama, perché i bambini “imparano a essere autosufficienti”, soprattutto le ragazze che troppo spesso non hanno avuto l’opportunità di andare a scuola. “Se una donna riceve l’istruzione, non solo istruirà la sua famiglia, ma istruirà l’intero villaggio“, ha aggiunto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francesca Cipriani, “setticemia e un problema all’occhio dopo l’ennesimo intervento al lato B”

next