A volte l’emozione è incontenibile e “contagiosa”. Come quella di Luca Nannini, atleta di Lucca, quando qualche giorno fa ha scoperto “in diretta” di essere stato convocato come atleta titolare nel Team Italia nella disciplina delle racchette da neve ai prossimi Giochi Mondiali Special Olympics, che si terranno in Kazan nel 2022. La sua reazione è stata condivisa sui social dalla pagina Special Olympics, il programma internazionale di allenamenti e competizioni atletiche per le persone con disabilità intellettiva, che ha accompagnato il video con una didascalia: “Questo è il momento esatto in cui Luca scopre una fantastica notizia: lui, si proprio lui, è stato convocato come atleta titolare nel Team Italia nella disciplina delle racchette da neve ai prossimi Giochi Mondiali Special Olympics, Kazan 2022. State a guardare…”.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A Matera non si può più abortire: avere una legge non basta se poi non è applicata

next
Articolo Successivo

I nonni come baby sitter e i figli in dad da aiutare mentre lavorano da casa: l’odissea delle mamme lavoratrici escluse da tutti gli aiuti

next