Simone Guerrieri è il fondatore de “I pirati della plastica“, un gruppo di volontari che va a caccia della plastica e dei rifiuti che finiscono in mare sul litorale livornese. Alcuni giorni fa, al termine di una battuta di caccia subacquea, si è imbattuto in un polpo intrappolato in una bottiglia di plastica abbandonata i fondo al mare. Guerriri lo ha quindi liberato, diffondendo poi il video sui canali social per sensibilizzare l’opinione pubblica e mostrare quali sono i danni dei nostri rifiuti

video I pirati della plastica/Facebook

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La costa toscana e l’eterno fantasma del cemento: da Elbopoli all’inchiesta San Vincenzo, dove ci sono più case che abitanti

next
Articolo Successivo

Ambiente, online il nuovo numero di EcoFuturo Magazine, la rivista dedicata a progetti virtuosi, ecotecnologie e scelte consapevoli

next