“Sappiamo bene che i prodotti fanno schifo“. “Sì, sono prodotti di m…“. Commentano così la qualità dei dispositivi di protezione destinati ai medici due delle persone finite agli arresti domiciliari per la truffa ai danni della Regione Lazio. “Alla Protezione civile non ho detto”. Nell’ordinanza di custodia cautelare sono coinvolte sei persone, accusate di associazione per delinquere finalizzata alle truffe, al riciclaggio e all’autoriciclaggio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mascherine fantasma e Regione Lazio, 6 arresti a Taranto: domiciliari per i vertici della società che ha fornito i dispositivi con certificati falsi

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi, l’ex manager Aspi intercettato: “Mandavano i ciechi a fare ispezioni”. Tecnico di Spea: “Abbiamo sempre lavorato alla c…”

next