“Il sistema dei colori è per me un bicchiere mezzo vuoto. Ci siamo congelati in una determinata situazione nel frattempo ha dilagato la variante inglese ed è chiaro che in una situazione che non riesca farti svoltare basta poco perché si ricominci. Ha più senso andare in maniera selettiva per aree maggiormente colpite, quindi non per Regioni, e fare in quelle aree la vaccinazione a tappeto e mettere sotto controllo le persone che possono essere ulteriore fonte di ulteriore diffusione”. Lo ha detto a Sky Tg24, Massimo Galli, virologo del Sacco di Milano, ospite di Timeline. “Mi piace anche l’ipotesi di poter intervenire per strati di popolazione: prima gli anziani, poi i più fragili per cercare di limitare al massimo il pericolo per le persone più a rischio come per gli ospedali di evitare di essere sommersi di richieste di ricovero.

Video Sky Tg24

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dentro l’hub di terapia intensiva creato per il Covid. “Caratteristica di questa ondata è l’età più bassa. Ci sono ‘giovani adulti’ senza patologie”

next