A San Marino sono partite le somministrazioni del vaccino contro il Covid Sputnik, di produzione russa. Giovedì 25 febbraio è stato il V-Day, con 25 dosi simboliche somministrate al personale sanitario. Da lunedì 1 marzo invece prenderà il via la campagna vera e propria. I vertici dell’Istituto superiore di Sanità di San Marino puntano a vaccinare 400 persone al giorno. In totale le dosi già arrivate nella piccola Repubblica sono 7500. Il vaccino Sputnik non ha l’approvazione dell’Agenzia europea del farmaco, che deve verificare che sia prodotto secondo gli standard dell’Unione. “Le evidenze scientifiche ci rassicurano”, afferma Sergio Rabini, direttore sanitario dell’Ospedale di San Marino “Anche l’istituto Spallanzani ne parla in termini ottimi”. Mentre il segretario di Stato alla Sanità Roberto Ciavatta non chiude alla possibilità di vaccinare gli italiani, una volta che saranno immunizzati tutti i sammarinesi, e solo “se ci saranno richieste da Roma”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Messina, nascondevano 30 chili di droga in un’ambulanza per passare lo Stretto: maxi sequestro della Finanza

next