“Tutti gli studi dicono che non è la scuola il driver del contagio, lo subisce come il resto della società. Anche di fronte alla variante inglese, di cui si è detto tante volte che sembra essere più contagiosa nei confronti dei ragazzi, questi dati sono stati smentiti: è vero che è più trasmissibile, ma verso tutte le fasce di età”. Così a Buongiorno, su Sky Tg24, Antonella Viola, immunologa dell’Università di Padova. “Nell’ultima settimana – ha aggiunto – si è cominciato a vedere un aumento dei contagi. È presto per dire se è una terza ondata o se sono oscillazioni che si manterranno più o meno piatte, che saliranno e scenderanno ma senza un picco. Questo dipenderà anche dalle misure che verranno messe in atto. Se a questo trend di aumento reagiamo mantenendo tutto come adesso, è facile che una terza ondata arrivi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, accoltella la commessa durante una rapina da Yamamay ma si ferisce pure lui: trovato grazie alle tracce di sangue – Video

next