Un attacco feroce infarcito di falsità“. Woody Allen e la moglie Soon-Yi hanno liquidato così Allen v. Farrow, il documentario di HBO che ha riacceso i riflettori sulle accuse di molestie sessuali mosse contro il regista dalla figlia adottiva Dylan. La ragazza, appoggiata anche dall’ex compagna di Allen, Mia Farrow, sostiene infatti di esser stata molestata da Woody all’età di 7 anni, nonostante la giustizia abbia assolto il regista stabilendo che il fatto non sussiste.

I documentaristi non hanno alcun interesse nel dire la verità. Hanno passato anni collaborando furtivamente con i Farrow e i loro facilitatori”, hanno dichiarato i due coniugi all’ Hollywood Reporter. Nella prima delle quattro puntate ancora inedite nel nostro Paese, Dylan Farrow ha iniziato a rievocare le famigerate accuse di incesto lanciate negli anni Novanta contro Woody Allen che, all’epoca, era il compagno della madre Mia. I registi Dick e Ziering hanno costruito un quadro secondo il quale il regista aveva cominciato ad adescare Dylan fin da piccolissima: “Non importa quello che pensate di sapere: questa è solo la punta dell’iceberg”, ha affermato lei in età adulta.

“Mi sentii in trappola. Mi diceva cose come: ‘andremo a Parigi insieme’. ‘Sarai in tutti i miei film’. E poi mi aggredì sessualmente. Mi concentrai a guardare i trenini di mio fratello. E poi… si fermò. Aveva finito. E scendemmo di sotto”, ha proseguito evocando quanto sarebbe successo nella soffitta della casa di Mia Farrow nel Connecticut. I due registi della docu-serie hanno sostenuto di non aver mai ricevuto alcuna risposta né da Woody Allen, né da Soon Yi e neanche da Moses, l’altro figlio adottivo, il quale è sempre stato dalla parte del patrigno accusando l’attrice di essere stata una pessima madre.

Il regista newyorkese e la moglie Soon-Yi d’altro canto hanno sostenuto di esser stati contattati meno di due mesi fa e di non aver avuto tempo a sufficienza per elaborare una risposta per poi affermare: “É triste, ma non ci deve sorprendere, che sia stato proprio HBO a mandare in onda il documentario visto che la rete ha accordi di produzione e di affari con Ronan Farrow (l’unico figlio biologico di Woody Allen e Mia Farrow, ndr)”. Il regista 85enne ha poi insistito su un altro aspetto ovvero il fatto che molteplici agenzie abbiano certificato che non c’è stato nessun abuso. Come andrà a finire questa guerra intestina?

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, aumentano i disturbi alimentari e i ricoveri per i minori di 14 anni: “Un trauma per loro trovarsi soli, in situazioni di angoscia”

next
Articolo Successivo

Sanremo 2021, Jake La Furia ed Emis Killa live: “Ci andiamo solo da conduttore e direttore artistico”

next