Tiger Woods è “sveglio, reattivo e si sta riprendendo nella sua stanza d’ospedale” dopo esser stato sottoposto a “una lunga procedura chirurgica alla parte inferiore della gamba e della caviglia” presso l’Harbor-UCLA Medical Center. Così fa sapere in un comunicato la sua squadra, all’indomani dell’incidente in cui il campione di golf è rimasto coinvolto presso Ranchos Palos Verdes, nella contea di Los Angeles, in California. Lo sportivo, uno dei talenti più ammirati degli ultimi anni nella disciplina, si è schiantato con la sua auto ed è stato estratto dalle lamiere dai soccorritori, ma è sempre stato cosciente.

Non sono ancora chiare le cause dell’incidente avvenuto alle 7.12 del mattino. Woods comunque viaggiava da solo in macchina. Gli agenti hanno eseguito i rilievi del caso e indagando sulle possibili cause. Non è la prima volta che il golfista rimane coinvolto in un incidente automobilistico grave, nel 2009 si era schiantato con il suo Suv in Florida. Nel 2017, poi, era stato arrestato dopo che la polizia lo aveva trovato svenuto al volante della sua auto. Tiger aveva detto di aver preso dei farmaci su prescrizione prima dell’incidente e di non essersi reso conto dell’effetto che avrebbero avuto su di lui.

Secondo fonti delle forze dell’ordine citate sempre dal sito TMZ, il campione di golf non dovrebbe essere stato sotto l’affetto di alcol. Il campione è apparso comunque abbastanza vigile al momento dell’incidente, tanto da chiedere ai primi soccorritori di far ritirare la sua roba dal suo manager. Un elicottero della KABC-TV sulla scena dell’incidente ha mostrato l’auto ribaltata con la parte anteriore pesantemente danneggiata. Gli airbag sembrano essersi azionati. Il veicolo sembra essere uscito fuori strada su una collina. Woods ha giocato l’ultima volta il 20 dicembre nel PNC Championship con suo figlio di 11 anni, Charlie. Il golfista subito un quinto intervento chirurgico alla schiena, due giorni prima di Natale e non erano state date indicazioni sul suo rientro sul green. L’obiettivo doveva essere il Masters in programma dall’8 all’11 aprile che è stato conquistato ben 15 volte dallo sportivo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kitikaka – Franco Ordine, il nuovo ministro della Transizione calcistica (dal salotto di casa)

next
Articolo Successivo

Liz Mills, la coach che ha riportato la nazionale maschile del Kenya alle finali dell’Afrobasket: “Io la prima donna? Dateci più opportunità”

next