Arrestato alle 7 e 18 del mattino  e rilasciato tre ore e mezza più tardi. Il motivo? Guida in stato d’ebbrezza. È questa l’accusa avanzata dalla polizia nei confronti di Tiger Woods. L’ex numero uno del mondo di golf è stato fermato e poi rilasciato su cauzione dagli agenti a Jupiter in Florida. Lo riferisce Usa Today, citando i registri online del carcere della contea di Palm Beach.

Non è un momento positivo per Il 41enne statunitense nemmeno sotto il profilo sportivo perché sta faticando a recuperare la forma dopo l’intervento alla schiena dello scorso aprile, il quarto degli ultimi tre anni. Tra i più grandi golfisti di ogni epoca – se non in assoluto il migliore – Woods è il primo sportivo ad aver superato  1,3 miliardi di dollari tra premi e sponsor. Un traguardo raggiunto grazie a un dominio assoluto nel campo del golf che lo ha fatto diventare simbolo internazionale del suo sport. Nel ranking mondiale Woods è riuscito ad occupare la la prima posizione 264 settimane consecutive tra l’agosto 1999 e il settembre 2004.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Francesco Totti, dopo le lacrime i festeggiamenti. E Ilary Blasi si scatena al ritmo di “Maracaibo”

prev
Articolo Successivo

Bologna, audio choc: “Speriamo che venga giù l’aereo della Juventus”. Sospesa la trasmissione radio

next